Smartwatch: passato, presente e futuro

Ti sei mai chiesto…

Quando è nato il primo smartwatch, quali funzioni aveva e come si evolveranno questi dispositivi nel futuro?

In questo articolo, conoscerete le risposte a queste e a tante altre domande sui piccoli computer da polso.

È inutile perdersi in chiacchiere: cominciamo immediatamente!

Gli smartwatch del passato

Per risalire alle origini degli smartwatch, dobbiamo tornare ai lontani anni ’70, quando cominciarono a diffondersi i primi orologi da polso digitali, la svolta tecnologica dei tradizionali analogici. È solo negli anni ’80, però, che cominciò ad affiorare l’idea di comprimere i computer in un formato da polso.

Il primo a concretizzare questa idea fu il Data 2000, un prototipo di smartwatch, dotato di tastiera e di memoria interna, capace di memorizzare 112 cifre. Pochi anni dopo, Casio creò i primi orologi con calcolatrice. Motorola e Timex, invece, pensarono di applicare agli orologi da polso dei sistemi cercapersone.

Nel 1994, furono prodotti dei modelli in grado di ricevere dati da un PC in modalità wireless. Il primo venne presentato da Steve Mann, considerato il padre dell’informatica da indossare. Nel 1999, Samsung lanciò il primo smartwatch capace di svolgere le funzioni di un telefono. Era l’SPH-WP10, dotato di altoparlante e microfono integrati, antenna e schermo LCD. Nel giugno 2000, IBM presentò il prototipo del WatchPad, dotato di sistema operativo Linux.

È a Microsoft che va il merito di aver applicato a un dispositivo da polso, nel 2003, la capacità di trasmettere informazioni (su meteo, notizie, sport, ecc), tramite onde FM. La marca Sony Ericsson, in collaborazione con Fossils, nello stesso periodo, rilasciò il primo smartwatch con Bluetooth, il MBW-100, che poteva notificare all’utente la ricezione di chiamate e messaggi di testo dal cellulare.

Nel 2009, venne lanciato Burg, il primo smartwatch che poteva funzionare con una propria scheda SIM, senza dover essere collegato allo smartphone. Nel 2012, grazie al Pebble che fece da apripista, gli smartwatch divennero subacquei.

Gli smartwatch oggi

Gli smartwatch che oggi acquistiamo, dunque, sono il risultato di un’evoluzione graduale cominciata oltre cinquant’anni fa e destinata ancora a evolversi. I modelli recenti sono un autentico miracolo tecnologico. Incorporano altri dispositivi in formato micro, come fotocamere digitali, termometri, pedometri, cardiofrequenzimetri, barometri, bussole, ricevitori GPS, sensori o schede microSD.

Includono le tecnologie wireless e hanno vari software tra cui mappe digitali, pianificatori e organizer personali, calcolatrici e altro ancora. Eseguono tantissime App diverse tra loro che riguardano musica, giochi, benessere, sport, social.

Funzionano come fitness tracker, permettono di visualizzare notifiche, messaggi e chiamate. Sono dispositivi di sicurezza, in quanto possono includere pulsanti SOS o tracker GPS. Come se non bastasse, hanno un’ottima autonomia e dei design futuristici ed eleganti: sono dei veri e propri gioiellini tecnologici da tenere al polso.

Gli smartwatch del futuro?

È difficile rispondere, perché la tecnologia si evolve in modo imprevedibile. Forse saranno sviluppate nuovi display, potrebbero essere introdotti altri sensori o sviluppate nuova applicazioni.  Apple, per esempio, ha sviluppato una App che rileva la qualità del sonno e segnala nel caso rilevi un incubo. Lo fa monitorando la frequenza cardiaca e i movimenti.

Altri smartwatch moderni consentono di rispondere direttamente alle telefonate che arrivano sullo smartphone, grazie al microfono e all’altoparlante situato nel cinturino. Forse aumenterà la potenza delle batterie. Più funzioni e prestazioni sempre maggiori, infatti, significano maggiori consumi di energia. Questo potrebbe essere il problema che gli sviluppatori si troveranno a dover risolvere nel prossimo futuro.

Conclusioni

In attesa delle novità future, potrai godere del meglio della tecnologia degli smartwatch acquistando un orologio huawei: la marca è tra le più avanzate in campo e presenta dei modelli bellissimi e funzionali che chiunque vorrebbe portare al polso.

Commenta con Facebook
Condividi